Rimozione dell’amalgama

1° rimedio contro i danni dell’amalgama: rimuoverla!

In questo sito potrai trovare numerosi consigli e rimedi per ovviare i danni che l’amalgama ti ha fatto, ma il primo consiglio è quello di rimuoverla SUBITO, ovviamente non appena ti sarà possibile; se decidi di farlo scegli con cura il dentista che la rimuoverà. Egli deve esere esperto in rimozione in triplice protezione e deve attuare delle norme di prevenzione anche per se stesso, per il suo personale e per l’ambiente!

Se non ti sembra facile prova a chiedere ai nostri Dentisti Amici, essi ti sapranno consigliare, guidare e rimuovere l’amalgama dentale dalla tua bocca con perizia, professionalità e sicurezza.

Amalgama Dentale = VELENO LETALE = Vietato per Tutti!

Finalmente in qualche parte del mondo l’hanno capito: infatti, a partire dal 1° gennaio 2008 in Norvegia e dal 1° Aprile 2008 in Danimarca, è VIETATO l’impiego di mercurio per uso medico, anche quello contenuto nell’amalgama dentale.

Un provvedimento simile è stato attuato anche dal governo svedese che, sin dal 1999, ha istituito pesanti restrizioni in materia.

Tutto ciò ha dato forza alle persone che da anni si battono contro l’utilizzo dell’amalgama dentale in Italia!

In realtà, la Commissione Europea si era già pronunciata, anche se non in forma ufficiale, a favore dell’eliminazione del mercurio da ogni preparazione per uso medico e si era impegnata a valutare l’opportunità di un eventuale divieto di utilizzo del mercurio anche in odontoiatria (le amalgame dentali).

Con questa decisione coraggiosa e radicale, la Norvegia va ancora più in la’ dell’Unione Europea e invia un chiaro messaggio alle autorità sanitarie degli altri paesi membri. Tale posizione, tuttavia, è stata sino a oggi raccolta solo da Svezia e Danimarca e, quindi, non assicura affatto una rapida estensione del divieto nel resto d’Europa.

Il motivo del divieto, così come ha dichiarato ufficialmente il ministro norvegese per l’ambiente in un comunicato, risiede nell’elevata tossicità del mercurio considerato una tra le più pericolose tossine ambientali, anche per la sua capacità di introdursi nella catena alimentare e arrivare a contaminare il sangue e perfino il latte materno.

Analogamente, il ministro danese della salute ha affermato che “i nuovi compositi per otturazioni dentali sono così resistenti che il Consiglio nazionale della salute danese sostiene che siamo in grado di estendere il divieto anche alle otturazioni in amalgama”.

Le numerose discussioni accademiche, economiche e politiche e i rischi rispetto all’ambiente, rendono sempre più intollerabile la posizione dei difensori dell’amalgama, purtroppo e anacronisticamente ancora esistenti!

Se è ormai ovvio che, prima o poi, l’utilizzo e la stessa produzione dell’amalgama saranno vietate in tutti i paesi, mi chiedo quante tonnellate di mercurio dovranno essere ancora poste nella bocca di pazienti ignari, prima che l’Europa si pronunci definitivamente per l’agognato divieto.

Sintomi amalgama riconosciuti dall’ADA (American Dental Association, Ordine Medici Dentisti USA)

E’ ben noto che il mercurio si depositerà prima nei reni, nel fegato, nei tessuti neurologici, nel tratto gastrointestinale, e poi nei restanti tessuti.

I sintomi amalgama correlati al mercurio sono tanti, tuttavia, la American Dental Association (ADA) ammette i seguenti sintomi:

  • Tremore nel movimento muscolare volontario (scrivere) e convulsioni
  • Depressione, stanchezza, irritabilità, malinconia, nervosismo
  • Incapacità di concentrarsi, perdita di memoria
  • Insonnia o sonnolenza
  • Nausea e diarrea
  • Perdita d’appetito
  • Difetti di nascita nei neonati
  • Nefriti o sintomi di disturbi renali
  • Pneumonia
  • Gonfiore di ghiandole e lingua
  • Ulcere della mucosa orale
  • Pigmentazione scura della gengiva marginale
  • Perdita dei denti

Se vi interessa saperne di più sui sintomi amalgama visitate anche questo sito, purtroppo solo in tedesco, della G.Z.M. (Società Internazionale di Odontoiatria Olistica).

 

Clicca il pulsante qui sotto e ti contattero il prima possibile per pianificare il tuo primo appuntamento, grazie!

Clicca qui per richiedere un appuntamento